Organo internazionale per il controllo degli stupefacenti (INCB)

     
È l'organismo indipendente e quasi giurisdizionale di monitoraggio dell’attuazione delle Convenzioni internazionali delle Nazioni Unite per il controllo della droga stabilito dalla Convenzione Unica sugli stupefacenti del 1961.

È formato da 13 membri che sono eletti per cinque anni dal Consiglio Economico e Sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC): 3 membri con esperienza medica, farmacologica o farmaceutica sono eletti da una lista di persone nominate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e 10 membri sono eletti da una lista di persone nominate dai Governi. Essi non rappresentano i governi ma agiscono sulla base della propria capacità personale.

Funzioni

Le funzioni di INCB sono definite nei seguenti trattati: la Convenzione unica sugli stupefacenti del 1961; la Convenzione sulle sostanze psicotrope del 1971 e la Convenzione delle Nazioni Unite contro il traffico illecito di stupefacenti e sostanze psicotrope del 1988.

In linea di massima, si occupa di:

  • garantire, per quanto riguarda la fabbricazione illecita, il commercio e l'uso delle droghe, in cooperazione con i governi, che siano disponibili adeguate forniture di medicinali per uso medico e scientifico e che non si verifichi la diversione di droghe da fonti lecite a canali illeciti
  • monitorare il controllo dei governi sui prodotti chimici usati nella fabbricazione illecita di droghe e assisterli nella prevenzione della diversione di tali sostanze chimiche nel traffico illecito
  • individuare le debolezze nei sistemi di controllo nazionali e internazionali e contribuire a correggere tali situazioni
  • valutare le sostanze chimiche utilizzate nella fabbricazione illecita di droghe al fine di determinare se devono essere sottoposte a controllo internazionale.

Nell'adempimento delle proprie responsabilità, si occupa di:

  • amministrare un sistema di stime per gli stupefacenti e un sistema di valutazione volontario per le sostanze psicotrope e di monitorare le attività lecite che coinvolgono le droghe attraverso un sistema di rendiconti statistici, al fine di aiutare i governi a conseguire, tra l'altro, un equilibrio tra offerta e domanda
  • monitorare e promuovere le misure adottate dai governi per prevenire la diversione di sostanze frequentemente utilizzate nella fabbricazione illecita di stupefacenti e di sostanze psicotrope e di valutare tali sostanze per determinare se siano necessari modifiche nell’ambito delle tabelle I e II della Convenzione del 1988
  • analizzare le informazioni fornite dai governi, dagli organismi delle Nazioni Unite, dalle agenzie specializzate o da altre organizzazioni internazionali competenti, al fine di assicurare che le disposizioni dei trattati internazionali in materia di droga siano adeguatamente svolte dai governi e di raccomandare misure correttive
  • mantenere un dialogo permanente con i governi per aiutarli a rispettare i loro obblighi ai sensi dei trattati internazionali in materia di droga e, a tal fine, raccomandare, se del caso, l’assistenza tecnica o finanziaria da fornire.

Sulla base di queste attività, l'INCB pubblica un Rapporto Annuale che viene sottoposto a ECOSOC attraverso la Commissione.

Torna all'inizio del contenuto