Esplora contenuti correlati

Prodotto

I narcotici vietati nello sport, detti anche analgesici oppioidi, sono forti analgesici della classe degli oppiacei.

I narcotici vengono utilizzati, sotto controllo medico, per sedare i dolori in malattie gravi quali, per esempio, il cancro; per indurre e mantenere l'anestesia o per combattere la dipendenza (esempio, programma con il metadone). Agiscono infatti, sul sistema nervoso, attenuando il dolore ed elevando, in dosi ridotte, il tono dell'umore.

L'uso di narcotici nello sport si verifica in discipline sportive che comportano dolore, come la boxe e sport da combattimento in generale. Queste sostanze sono infatti, in grado di innalzare la soglia del dolore a tal punto che si può arrivare a non accorgersi neppure di eventuali danni fisici subiti o di percepire come innocue situazioni pericolose.

I narcotici più utilizzati sono:

  • la morfina, una sostanza naturale prodotta dall'oppio, che è il prototipo degli oppiacei;
  • l'eroina;
  • il metadone, un farmaco di sintesi, le cui azioni farmacologiche sono qualitativamente sovrapponibili a quelle della morfina.
Torna all'inizio del contenuto