L'EMCDDA diventerà l'Agenzia dell'Unione Europea per le droghe (EUDA) il 2 luglio 2024

7 giugno 2024

Il 30 giugno 2023, il Parlamento europeo e il Consiglio dell'UE hanno pubblicato il Regolamento (EU) 2023/1322 che modifica il mandato esistente del Centro europeo per il monitoraggio delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA), al fine di tenere il passo con un fenomeno delle droghe sempre più complesso e in rapida evoluzione. Questo regolamento è entrato in vigore il 1° luglio 2023. L'agenzia si trova attualmente in un periodo di transizione per prepararsi a implementare il nuovo mandato nel 2024.

Quando avverrà questo cambiamento?

L'attuale Osservatorio europeo delle Droghe e delle Tossicodipendenze (EMCDDA) diventerà Agenzia dell'Unione Europea per le Droghe (EUDA) il 2 luglio 2024, giorno in cui il regolamento entrerà in vigore.

 

È solo il nome che cambia?

No. Il nuovo mandato conferisce all’agenzia molto più potere per svolgere i compiti necessari per affrontare le sfide attuali e future legate alle droghe illecite. Con questo mandato più proattivo, adattato alla realtà attuale, EUDA sarà meglio attrezzata per sostenere l'UE e i suoi Stati membri nell'affrontare le questioni emergenti in questo settore. Ciò avverrà in tre aree chiave: monitoraggio, preparazione e sviluppo delle competenze per interventi migliori.

------------------------------------------------------------

Quali sono i nuovi compiti che l'agenzia sarà in grado di svolgere sotto il nuovo mandato?

La raccolta, l'analisi e la diffusione dei dati continueranno a essere un compito chiave dell'EUDA. La nuova agenzia sarà anche in grado di:

- sviluppare capacità di valutazione delle minacce nei settori della salute e della sicurezza, aumentando così la preparazione dell'UE nell'identificare e reagire a queste nuove minacce;

- attivare Allerte tramite un nuovo sistema di Allerta europeo per le droghe, quando sostanze ad alto rischio compaiono sul mercato (implementando i sistemi di Allerta   nazionali e il Sistema di Allerta  precoce dell'UE sulle nuove sostanze psicoattive);

- monitorare e affrontare l'uso di polisostanze, che sta diventando sempre più comune e può avere effetti negativi sulla salute;

- istituire una rete di laboratori forensi e tossicologici per favorire lo scambio di informazioni su nuove tendenze e sviluppi e formare esperti nazionali forensi sulle droghe;

- sviluppare e promuovere interventi basati su prove e migliori pratiche;

- fornire ricerca e supporto, sia su questioni legate alla salute che sui mercati delle droghe e sull'approvvigionamento di droghe;

- sostenere la valutazione indipendente e lo sviluppo di politiche basate su prove;

- giocare un ruolo internazionale più forte e sostenere l'UE nella politica sulle droghe a livello multilaterale;

- rafforzare il ruolo dei punti focali nazionali per garantire che gli Stati membri siano in grado di fornire dati rilevanti sulle droghe all'agenzia.

Da dove è nata l'idea per un nuovo mandato dell'EMCDDA?

La proposta per un nuovo mandato dell'EMCDDA deriva dalla quarta valutazione esterna dell'agenzia, effettuata dalla Commissione europea nel 2018/19 (coprendo il periodo dal 2013 alla metà del 2018 e includendo una consultazione pubblica aperta). La relazione finale è stata presentata dalla Commissione al Parlamento europeo, al Consiglio e al Consiglio di amministrazione dell'EMCDDA all'inizio del 2019. I risultati sono stati pubblicati nel maggio 2019. La valutazione positiva ha concluso che l’osservatorio funziona bene nel complesso ma ulteriori miglioramenti sono possibili, specialmente in vista degli sviluppi nel fenomeno delle droghe. L'osservatorio (futura agenzia) è ampiamente riconosciuto come un centro di eccellenza scientifica in Europa e a livello internazionale, fornendo dati fattuali, obiettivi, affidabili e comparabili a livello europeo sulle droghe, sull'assuefazione da droghe e sulle loro conseguenze, e monitorando con successo le minacce e le tendenze emergenti. Le aree identificate per il miglioramento, basate sulle evoluzioni nel fenomeno delle droghe, includono: lo sviluppo ulteriore del lavoro sul monitoraggio dell'offerta e sulle questioni delle polisostanze, l'aumento della visibilità dell'agenzia tra i professionisti e il pubblico in generale e il potenziamento della sua cooperazione con le organizzazioni internazionali.

La Strategia dell'UE sulle droghe fa riferimento al mandato?

Sì. Sulla base della valutazione, la Strategia dell'UE sulle droghe 2021-2025 (approvata dal Consiglio il 18 dicembre 2020), ha invitato la Commissione a proporre la revisione del mandato dell'osservatorio/agenzia. La nuova proposta soddisfa questo impegno. La Strategia affermava: “In seguito alla valutazione dell'EMCDDA, la Commissione è invitata a presentare una proposta per la revisione del mandato dell'EMCDDA il più presto possibile, al fine di garantire che l'agenzia svolga un ruolo più forte nell'affrontare le sfide attuali e future del fenomeno delle droghe. Inoltre, l'EMCDDA e Europol dovranno essere forniti delle risorse rilevanti per consentire loro di adempiere ai loro ruoli conformemente ai rispettivi mandati e alla Strategia, incluso il supporto alle azioni degli Stati membri in materia di droga’.

L'agenzia rimarrà nella sua posizione attuale a Lisbona, Portogallo?

Sì, l'agenzia rimarrà nella sua posizione attuale.

Il sito web dell'agenzia cambierà?

Sì. Il nome di dominio dell'agenzia cambierà dal 2 luglio 2024 e diventerà www.euda.europa.eu

 I link che utilizzano l'indirizzo vecchio funzioneranno ancora?

Sì, EMCDDA/EUDA garantirà che i link che utilizzano il formato dell'indirizzo vecchio possano continuare a funzionare tramite un reindirizzamento alla nuova pagina.

Cambieranno le email del personale?

Sì, tutte le email del personale cambieranno e seguiranno il formato nome.cognome@euda.europa.eu

Gli account sui social media cambieranno?

Su ciascun canale dei social media di EMCDDA verranno pubblicati i dettagli di eventuali aggiornamenti o passaggi da seguire per i follower.

I numeri di telefono cambieranno?

No. I numeri di telefono non cambieranno.

I contratti firmati con l'EMCDDA saranno ancora validi o dovranno essere rinnovati?

Tutti i contratti firmati con l'EMCDDA saranno ancora validi una volta che l'agenzia diventerà l'EUDA.

Ci sarà un nuovo logo e un nuovo marchio per l'agenzia una volta che diventerà EUDA?

Sì. L'agenzia avrà un nuovo logo e un'identità visiva, seguendo il cambiamento. Il nuovo marchio sarà svelato il 2 luglio 2024.

 

emcdda
Torna all'inizio del contenuto